CERCA NEL SITO
 PERCORSI » Percorso per non vedenti 
Percorso per non vedenti   versione testuale
ATTENZIONE: IL PERCORSO E' ATTUALMENTE IN FASE DI RIPRISTINO
 
L'Orto Botanico "Pietro Castelli" ha realizzato un percorso didattico che, attraverso una successione di piante scelte per le loro caratteristiche, consente ai visitatori non vedenti di comprendere alcuni aspetti significativi del mondo vegetale: la sua evoluzione, gli adattamenti ai diversi ambienti, la sua importanza nella vita quotidiana.
Il percorso, che si sviluppa in un viale dell'Orto, è privo di barriere architettoniche e provvisto di etichette in Braille. Ogni pianta viene presentata in maniera che possa essere agevolmente osservata e toccata, e ne è mostrato il nome corrente, quello scientifico, la famiglia botanica e la località di origine.
Sono mostrate 80 piante, suddivise in settori, ciascuno dei quali illustra un diverso aspetto del mondo vegetale.
 
Un primo gruppo di piante mostra la diversità delle Felci, i primi vegetali in grado di vivere fuori dagli ambienti acquatici, che hanno cominciato la loro evoluzione oltre trecento milioni di anni fa. Seguono poi le Gimnosperme, da quelle più antiche, che erano al massimo dell'evoluzione cento milioni di anni fa (Cycas, Zamia, Ginkgo), alle Conifere, che formano oggi le più estese foreste della Terra. Sono poi presentate le Angiosperme, la cui evoluzione è cominciata circa 120 milioni di anni fa, e che oggi, con oltre 250 mila specie, sono le piante che hanno la più alta diversità biologica.
Nel percorso si succedono alcune piante arboree a foglia caduca (Nocciolo, Acero, il Frassino, l'Albero di Giuda), esempi di arbusti della regione mediterranea (Corbezzolo, Alloro, Mirto, Lentisco, Ginestra), alcuni arbusti aromatici (Salvia, Ruta, Timo, Rosmarino), una grande pianta erbacea, l'Acanto, nota perché la sua foglia è stata il modello del capitello corinzio.
Viene poi proposta l'osservazione di una serie di piante arboree coltivate nella nostra regione (Mandorlo, Olivo, Carrubo, Nespolo), di alcune piante da fibra (Cotone, Lino, Ramié, Formio), e di altre, ricche di olio essenziale, utilizzate per la produzione di profumi (Lavanda, i Pelargoni, il Gelsomino, l'Erba limone).
Seguono piante importanti per il loro uso alimentare (Frumento, Canna da zucchero, Banano), altre usate come aromi (Menta, Cardamomo, Citronella ed altre). E ancora, piante che di frequente si tengono in casa per il loro aspetto gradevole, e altre comuni nei giardini mediterranei.
L'ultima parte del percorso è dedicata agli adattamenti delle piante ai diversi ambienti; un settore è riservato alle piante degli luoghi umidi (Giacinto d'acqua, Papiro), un altro alle piante succulente degli ambienti aridi (Cactus, Euforbie, Aloe).
condividi su: Facebook  Twitter  Technorati  Delicious  Yahoo Bookmark  Google Bookmark  Microsoft Live  Ok Notizie segnala questa pagina stampa questa pagina